Tuffanelli Cristiano

Sono nato a Saronno (VA) nell’Agosto 1974 e da allora vivo in questa caotica ed inquinata zona a nord di Milano.   L’interesse per le materie scientifiche che nutro fin dall’infanzia, mi ha portato ad intraprendere studi tecnici, così elettrotecnica ed elettronica, oltre a rappresentare il mio lavoro, sono divenuti i miei hobby insieme a fotografia e astronomia.

La passione per l’astronomia è sbocciata nell’ormai lontano 1989, e dopo una lunga e perseverante gavetta tra binocoli e rifrattori, oggi mi dedico principalmente all'osservazione planetaria, di stelle doppie ma anche alla fotografia astronomica, trovandomi sempre più spesso a mettere mano alla strumentazione, effettuando modifiche, migliorie, test e prototipi.

Nel 2005 ho realizzato un sogno, una postazione fissa dove principalmente faccio osservazione planetaria, test strumentali e fotografie del profondo cielo in banda stretta. Purtroppo il cielo di casa non permette di ottenere grandi risultati nella fotografia a colori con reflex digitali, quindi un po' per i vari impegni famigliari e un po’ per pigrizia, ho per il momento accantonato l'idea di passare nottate isolato tra i monti, e mi sto dedicato alle vecchie passioni: l’alta tensione, la paleontologia e l'elettronica.

Nostalgico dei pionieristici esperimenti di Nikola Tesla, insieme a mio figlio Lorenzo progettiamo e costruiamo trasformatori risonanti, per poi giocare con spettacolari scintilloni di parecchie centinaia di migliaia di Volt…(!). Ma tranquilli, come già accennato facciamo anche cose più soft, tipo passeggiare per monti alla ricerca di fossili. Attività a cui dedico molto tempo nel periodo estivo, e mi sta dando molte soddisfazioni.

Devo confessare che in alcuni momenti la paleontologia mi rapisce in maniera più decisa rispetto all’astronomia, perché più tangibile. Ok, stare sotto un cielo stellato è sempre un’emozione, ma credete che trovarsi su un lastrone di roccia calcarea, costellato di crinoidi, brachiopodi, denti e ossa di grandi rettili  che abitavano un atollo 200 milioni di anni fa, non sia un’emozione? A me da una sensazione incredibile, vertigini e un pugno allo stomaco ogni volta.

Nel periodo invernale invece mi diverto a progettare e realizzare amplificatori valvolari (sempre amante del retrò...) e a giocare con i laser, che fin da bambino ho maneggiato, anche pericolosamente... Per fortuna lo studio e l'esperienza insegnano a come dare la giusta cofidenza a questi prodigi.

In questo sito, inizialmente pensato per la fotografia astronomica, cercherò tramite le mie immagini e i miei articoli, di condividere con tutti voi le mie esperienze e di trasmettervi più possibile le mie emozioni. Buona navigazione!!